giovedì 9 maggio 2013

Il pesce rosso di Ken

Trovo sempre inquietante il concetto primitivo di possesso di Ken.



Che sia un bambolo dalla mente semplice e dall'unico neurone in movimento, stile pesce rosso nella vasca, oramai non lascia dubbi.
Ci sono però delle volte dove resto comunque interdetta.

Non credo di essere mai stata davvero "sua", in quanto non si è mai sforzato davvero di conoscermi, ma mi considera "roba sua", nonostante siano oramai quasi due anni di separazione.


Secondo il pesce rosso della sua testa (chiedo scusa ai pesci rossi), non dovrei assolutamente avere una vita sociale di nessun genere, utilizza tutti i mezzi per cercare di mettere un burka alla mia vita.



Il pesce rosso cerca di trovare il modo di controllare la mia vita a distanza.


Per anni ha sempre saputo:
- dove ero
- cosa facevo
- con chi ero
Per anni non si è mai preoccupato di sapere che cosa pensavo.

Stabilito che nulla potrà togliermi il sorriso e la gioia di vita che mi caratterizzano, aggiungo che è divertente osservare il pesce rosso che nuota nell'acqua sempre più verde della sua cacca :)



Micol Morelli SB (Senza Burka)
caderefamale.blogspot.it

Nessun commento:

Posta un commento