mercoledì 30 aprile 2014

Corsi aziendali

Due balle...

Forse non sono io nel periodo giusto, ma i corsi motivazionali aziendali mi stressano l'anima!
A parte che mi sembrano un insieme di tante cagate sentite e risentite che non trovano spazio nella mia testa per la motivazione.
Inoltre ogni volta mi lasciano un senso di totale insoddisfazione, di senso di fallimento e di voglia di fuga altrove.

Oltre a questo è un periodo davvero difficile lavorativamente per me, faccio fatica a produrre e guadagno solo se produco.
Vero che se produco non mi lamento, ma se sono in fiacca come questi 15 giorni... pauuuura

La lista delle scuse è lunga ed è reale, ma nel mio mondo lavorativo mentale non ci sono scuse per l'inefficienza.
Sono dubbiosa su alcuni aspetti e questo mi porta a rallentare e a essere meno incisiva sul mercato.

Comunque stabilito che il conto in banca va rimpolpato mi tocca assolutamente automotivarmi e lavorare, altro che segate di discorsi..

Che palle ogni volta che esco da questi corsi mi tornano in mente i bei tempi dell'unico lavoro che ho davvero adorato, dei boss aziendali che adoro tutt'ora..
Mi mancano, sono stati anni magnifici e come tornerei indietro a quel giorno rientrando da un mega meeting dalla svizzera e non direi niente del fatto che voglio uscire dalla società e sperimentare altro. Quel giorno dove ho modificato così tanto della mia vita, quel giorno che ho deciso che creare la famiglia era più importante del lavoro,
Quel giorno dove ho fatto il seguente ragionamento:
-l'uomo della tua vita lo incontri una sola volta, il lavoro lo puoi trovare ovunque. Che cogliona!

Ma quell'azienda è cresciuta le sue esigenze non includono più me, è in un'altra regione non vicina alla mia.
Ci penso spesso se mi proponessero di tornare... forse è quello che vorrei anche se significherebbe stravolgere la vita ai bimbi, andare a vivere nello smog, vivere in auto, affidare i bimbi a baby sitter, essere sempre in giro..
Poi vedo i bimbi come stanno bene e mi domando:
- io
- o loro

Le risposte cambiano talmente spesso che non ho una linea logica o una linea guida, tanto comunque l'offerta non è arrivata e ora non arriverà di certo più.
Forse sono proprio un disastro nelle scelte importanti:
- lavoro: una super cagata fatta
- uomo scelto come marito: una super cagata fatta
- soldi: persi talmente tanti soldi buttati dentro l'azienda oramai chiusa. Altra super cagata

I bimbi sono meravigliosamente fantastici.
Certo posso guardarla anche come:
- tante cagate già fatte quindi ora solo frutti polposi :)

Micol Morelli ottimistasemprecoglionasisperabasta
caderefamale.blogspot.it

p.s: la bilancia è morta è il mio secondo giorno di digiuno controllato ne restano solo 4

martedì 29 aprile 2014

Dieta e riflessioni

Non sono quasi mai salita su una bilancia fino ai 35 anni, poi dopo si..
Sono sempre stata fortunata, ossatura sottile, relativamente alta, gambe e braccia lunghe, magra ma polposa.

Poi dopo le gravidanze ho avuto un periodo difficile, ho sempre mangiato sano e quantità regolari e nonostante diminuissi il cibo non perdevo un grammo..
Poi per caso qualche anno ho iniziato una dieta che mi ha sbloccato il metabolismo ed è stato una figata!
Perso tutto quello che serviva in poco tempo, non posso dire di aver faticato di testa, adrenalina a palla gioia al massimo.

Da allora sono tornata alla mia taglia non dei 16 anni ma dei 26 si.

Ora se prendo più dei 5 chili (una taglia) mi rimetto in riga.

Per fortuna non divento triste, però non mi privo di serate divertenti. Scelgo.

Ora ho questi 6 giorni davvero drastici ma scelti con cura:
- niente ospiti per casa
- cene pranzi aperitivi compleanni ecc ecc sospesi fino a domenica
- determinazione a palla
- frigo solo cose per i bimbi

Detesto le:
- donne sempre a dieta 
- gli uomini a dieta
- le magre dentro (quelle nei sorrisi e nei sentimenti)
- uomini e donne che non amano il cibo non amano godere secondo me..

Adoro:
- il buon vino
- la buona tavola
- tutto il godereccio della vita

Certo con la taglia giusta il vantaggio è:
- sfoggiarare il corpo con le persone giuste
- stare su tacchi altissimi senza soffrire
- non dover provare i vestiti tanto va bene tutto
- il perizoma dona decisamente

Il mio sorriso è lo stesso di quello con i chili in più :)


Micol Morelli digiunomenouno
caderefamale.blogspot.it

Terrore

Spogliarsi salire sulla bilancia prima della doccia e vedere il valore del peso passare da 55 a 65, con i dati della bilancia digitale impazzire.

Fare la doccia e intanto calmarsi.

Ripesarsi dopo aver sistemato le batterie e controllato che funzionasse, togliere la bilancia dal tappetino e posizionarla sul pavimento e risalire... ora mi da 64.80

Evito di svenire, scendo dalla bilancia e il valore sale a 68.40

La bilancia ha firmato la sua condanna alla raccolta differenziata.

Mi tocca comprare una nuova bilancia.

Visto che per i prossimi 10 giorni ho un programma ferreo per quanto riguarda la dieta sarà il caso di avere un cavolo di bilancia precisa, i miei pantaloni dicono che ho 6 chili.. 

Micol Morelli cheterrore
caderefamale.blogspot.it

domenica 27 aprile 2014

Ausiliari al traffico

Pullman parcheggiato nelle strisce blu, occupa 6 posti auto, direi tedesco non vedo bene la targa dalla finestra della mia scrivania nell'angolo ufficio di casa..

Però vedo bene che ha la multa sul tergicristallo.

I nostri ausiliari girano in bicicletta, sono estremamente puntigliosi e mi domando:
- la multa è mancato pagamento moltiplicato per il numero di posti occupati?
- hanno fatto la scaletta con le mani per arrivare a piazzarla sotto il tergicristallo?
- o semplicemente si sono alzati sulla punta dei piedi e l'hanno battezzato?

Tanto sono qui a lavorare forse riesco a vedere l'autista quando torna e se ne accorge.

Micol Morelli dovreiprodurrerisultati
caderefamale.blogspot.it

Sbuffando

Mi sembra di non essere più capace di lavorare.
Mi sento fiacca, pigra, poco motivata e lassista.

Dovrei caricare tutti i dati, verificare gli appuntamenti delle prossime settimane e cercare di portare a casa il mese.
Già è un mese del cavolo con tutti questi ponti, che da un lato sono fantastici se vuoi fare vacanza, ma dall'altro se devi anche pagare un po' di conti sono deleteri..

Se penso che c'erano periodi dove lavoravo 12 ore senza sosta con carica, energia, idee e risultati.. che palle

Va bè iniziamo.. uff
Tanto piove, amici ripartiti per destinazione casa, mangiato come un maialino, sensi di colpa a mille per i chili sicuramente presi in questi giorni che si sommano a quelli che dovevo perdere, mi tocca digiuno da domani per tornare il linea costume.

Potrei lavorare facendo dei piegamenti.
ahahahaha

Micol Morelli rotolandoversoillavoro
caderefamale.blogspot.it

sabato 26 aprile 2014

Auguri

Buon compleanno al paese che mi ospita da 13 anni, buon compleanno di cuore.

Stasera ci sono stati i festeggiamenti.
Veramente sono iniziati stamattina, ma io sono troppo pigra per alcune cose.
Stasera però ho goduto delle piazze piene di gente, il paese in festa, tante facce conosciute, tutti sorridenti per questo compleanno.
Giocolieri, violiniste alte 5 metri nascoste da abiti immensi, ballerine che danzavano con teli sospese nell'aria, fuori di artificio bellissimi per colorare il cielo.



E' stato bello sentire il suono della festa, di una festa per un luogo che è cresciuto in questi anni, che non pensavo diventasse la mia città.. ed invece. Tanto lontano è dalla mia idea di vita e tanto ora mi ci trovo bene.

Auguri piccolo pianeta sospeso fra monti e mare :)

Micol Morelli inpuntadispillo
caderefamale.blogspot.it

giovedì 24 aprile 2014

Cedere alle tentazioni

Avrei dovuto lavorare almeno oggi..

Ci ho provato, mi sono alzata vestita da lavoro*, consegnato i bimbi per qualche ora a mia mamma in visita per il ponte, raggiunto un collega per un affiancamento, visto 1 cliente, gestito telefonate varie.. poi

Poi è arrivato il diavolo tentatore, il meraviglioso diavolo tentatore e lavoro ciao..

Pranzo fantastico al sole/ombra, bottiglia di vino bianco, piatti al top come al solito, chiacchiere, sorrisi, complicità, limoncello, caffè, dopo caffè e .... erano già le 16,40!


La vita ragazzi miei è breve quindi apriamo le porte al godimento, lunedì farò il doppio del lavoro per non sentirmi in colpa.

Il mio diavolo tentatore ha dei fantastici occhi blu :)


Micol Morelli DTOB
caderefamale.blogspot.it




* Gonna in ecopelle stretta lunga fino al ginocchio, camicia bianca con gemelli ai polsini, scarpe english style, niente calze, giacca rigorosa, trucco leggero..

martedì 22 aprile 2014

Spirito pasquale keniano

Percorso guidato nel mondo di plastica di Ken:
Signori e Signore, siamo nella zona areata del cervello di plastica di Ken, luogo dove dovrebbero annidarsi informazioni generiche tipo:
- oggi è Pasqua
- Pasqua = uova di cioccolata
- Pasqua = auguri ai bambini
Invece troviamo le seguenti informazioni:
- oggi è per ME (informazione ripetuta all'infinito)

Signori e Signore, siamo nella zona del cuore di plastica di Ken, luogo dove dovrebbero annidarsi i sentimenti, dove le passioni e le emozioni abitano, ma come potete vedere il suo cuore è suddiviso in:
- zona palestra di Ken
- zona divertimento di Ken
- zona di quanto sono figo Ken
- zona di giochiamo con Barbie



Risultato:
- nessun messaggio di augurio di Pasqua
- nessun uovo di cioccolata
- nessun segno di vita*

*purtroppo è solo una pia illusione :)

Micol Morelli cervelloecuoremooooltosensibili
caderefamale.blogspot.it



Caccia alle uova

Abbiamo una tradizione a casa nostra da qualche anno:

Organizzo la caccia alle uova in casa ed in giardino per i bimbi ad alcuni dei loro amici, in genere il martedì (quindi oggi)
Tutto è pronto la variante di quest'anno è una caccia al tesoro per trovare le uova gli indizi sono i seguenti:


Se il tesoro vuoi trovare un pochino hai da faticare,
Il coniglio bricconcello ha nascosto il suo cestello con dolcetti a volontà sparsi qua e un poco là
Pazienza un poco devi avere, e un poco di sedere, ma se cerchi un poco in giro in casa e in giardino sono certa puoi trovare sia gli amici che un po’ di carie.


1° Se il vestito lindo e bello vuoi indossare cerca un poco nel cestello.

2° Il coniglio bricconcello forse ha perso il suo ombrello


3° Se la fiaba vuoi raccontare lo scritto devi trovare

4° Il coniglio stufo è sempre a zampe deve andar, un aiuto gli puoi dar

5° un po’ brucia un po’ cuoce carne pesce e verdure son golose ed invitanti, con gli amici un po’ 

di più se accendi il b………………

6° se il miele amerai  un po’ di fiori tu darai alle api golosone cerca piano nel color del limone

7° forse posta riceverai…

Vincitore
Quando questa leggerai fischiettando te ne andrai verso casa entrerai e “Buona Pasqua” urlerai il coniglio cercherai e il premio troverai.
Il coniglio poi vorrà che il premio diverrà un po’ per tutti golosità.

Gli altri
Troppo tardi sei arrivato ed è proprio un gran peccato, sono certa che i dolcetti il vincitore ti darà e farete a metà. Il mal di pancia va diviso con il tuo più caro amico tutto assieme non può mangiare e un poco deve dare.



Uova di cioccolata tutte impacchettate con pellicola trasparente ed indizio dentro, macchina per l'espresso calda per le mamme, sole pronto direi che ci siamo.
I bimbi sono elettrizzati come ogni volta, gli piace tanto questa tradizione tutta personalizzata :)

Se volete giocare anche voi poi vi do le soluzioni ;)

Micol Morelli bambinasempre
caderefamale.blogspot.it

sabato 19 aprile 2014

Senso della misura

Oggi Ken ha preso i bimbi.
Come tutti sanno le scuole sono chiuse per le vacanze di Pasqua quindi i bimbi sono liberi dagli impegni, questo gli era stato chiarito via messaggio dai bimbi stessi.
Risultato:
- presi alle 15.30
- riconsegnati alle 18.30
Sia mai passare più tempo con loro.

Rientrati a casa dopo le solite coccole baci e abbracci mi dicono:
"Stiamo morendo di fame"
Gli comunico che in cucina ci sono focaccine calde e piselli freschi da sbucciare a volontà e partono in quarta.
Alla decima focaccina trangugiata mi sorge un dubbio:
"Bimbi avete fatto merenda con il babbo?"
Loro: "Insomma...una mela.."

Vero, i bimbi mangiano frutta spesso a merenda ma nelle seguenti quantità:
- un cesto di fragole a testa
- un mango in due e a volte uno a testa
- due kiwi con il miele a testa
la frutta cambia a seconda di quello che trovo ma le quantità sono queste..

Poveracci con una mela in pancia.

Poi apro lo zainetto con le felpe e trovo 4 t-shirt nuove per i bimbi. Bene penso, ha pensato ai figli e gli ha fatto degli acquisti.
Controllo:
- taglie tutte piccole di almeno 3 anni. La maglia più grande era di 6 anni (i bimbi hanno 7 e 9)
- prezzo in dollari americani da outlet (tipo 3 o 5 dollari)

Certo che il suo senso della misura fa fiasco su tutta la linea.

Micol Morelli conoscotutteleloromisure
caderefamale.blogspot.it

domenica 13 aprile 2014

Precisazioni fruttate

Settimana scorsa ho ricevuto una ennesima comunicazione dell'avvocato dell'Imbecille.

Ken lamenta che i bimbi non rispondono al telefono e ritiene che io impedisca la comunicazione fluida e che dovrei fare di tutto affinché rispondano quando lui li cerca.

Non è un concetto sbagliato:
- il telefono suona ed io dico "Bimbi il telefono, sarà il babbo rispondete?" Risultato, girano intorno al telefonino e attendono la fine del suono.
- il telefono squilla ed io dico "Bimbi il telefono, sarà il babbo rispondete?" Risultato secondo squillo e sento "Ciao Gionny dimmi tutto hai bisogno della scheda di storia? Si ti detto la poesia"
Quindi non sono sordi e inabili alla risposta al cellulare, ma semplicemente scelgono..

Ogni tanto controllo il loro telefono e verifico le chiamate e i messaggi:
- passano anche 2 giorni senza chiamate di Ken
- non ci sono mai messaggi di "buon giorno" "vi voglio bene" "mi mancate" "organizziamo un'uscita?" Ma il nulla o messaggi di rimprovero tipo "CHIAMATEMI

Quando fissa un'incontro, chiaramente sempre in giorni diversi e quando torna comodo a Ken, cerco di mandargliele tutte dritte. 
Quelle 2 ore e mezza che li tiene, circa una volta alla settimana (alcune settimane salta) divide il tempo con i bimbi fra la casa della mamma di Ken (la furia rossa) e il padre di Ken (il Bianco assente).

Per evitare di dire cose non vere, sento prima i bimbi sulla loro idea del rapporto con il padre alla fine preparo la risposta in cui evidenzio:
- l'esigenza di tempo dedicato solo a loro
- di telefonate non di rimproveri ma di serio interessamento
- di parole di affetto
- di attività di divertimento ideate e sviluppate con loro

Ieri arriva la telefonata (il giorno prima non aveva proprio chiamato) e la telefonata si sviluppa secondo il solito copione:
- dove siete
- con chi siete 
- cosa fate

Terminata la conversazione di 1 minuto scarso i bimbi tornano da me e mi dicono:
"o non ha letto quello che hai scritto, o non ne ha capito il senso. Nulla è cambiato. Certo è anche vero che una mela non si può trasformare in una banana!"


Visione cristallina della vita, anche un pò fruttata 
.
Micol Morelli vitafruttuosa
caderefamale.blogspot.it

venerdì 11 aprile 2014

Film e snack

Tornati ora dal cinema, due ore abbondanti di acqua e testardaggine.. siamo andati a vedere Noah.
Una demerita cavolata. 
Effetti fantastici ma decisamente esagerato su tutta la linea.
Un misto tra una telenovela e un action film..

Prima di uscire ho preparati i viveri ai bimbi:
- bomboloni
- carotine snack (confezione media)
- esta the alla pesca

Cosa non hanno mangiato:
- bomboloni..

Hanno spazzolato alla velocità della luce le carotine sotto gli occhi divertiti e stupidi dei nostri vicini.

Il comparto frutta e verdura è sempre in cima alla classifica. Oggi hanno consumato:
- 2 cesti di fragole
- 2 manghi
- un sacchetto di carotine
- una confezione di pomodorini cigliegia
e hanno pranzato a scuola.


I commenti dei bimbi sul film sono stati:
- crociera movimentata
- da oggi diremo "testardo come Noah"
- ma almeno le zanzare le potevano evitare questa volta
- mi sembra una cavolata

Micol Morelli nessunanuvola
caderefamale.blogspot.it

lunedì 7 aprile 2014

Mattina alternativa

Ieri matrimonio
Oggi separazioni.

Caso vuole che due care amiche oggi avessero l'appuntamento in tribunale per le rispettive separazioni..
Ho accompagnato una delle due che mi ha chiesto compagnia e sostenuto con il pensiero la seconda.
Mi ero tenuta volutamente la mattina libera almeno fino alle 14.00
Terminato l'evento ci siamo portate sul mare decidendo di scegliere un bar/osteria sul mare vicino al porto e passare il tempo a chiacchierare bere e stuzzicare qualche cosa fino al primo pomeriggio.
Io la chiamo "fase di decompressione".

Scelto l'unico posto al sole, all'aperto, con turno anche di lunedì.. non è uno dei nostri soliti, ma non c'era scelta.

Arriva il giovane cameriere per la comanda:
cam - "Le signore desiderano ?"
noi- "Del vino bianco fermo, che cosa ha in lista?"
cam -"Due bicchieri di quello che abbiamo va bene?"
noi- "No. Una bottiglia e vorremmo scegliere"
cam- "Una bottiglia di quelle piccole vero?"
noi - "No. Una regolare. Si informa su che cosa ha per cortesia?"
cam - "Vado a sentire.."
Noi ci guardiamo, voglia di cambiare locale non c'era..
cam - "Del vino da pasto niente di che"
noi - "Ha del prosecco?"
cam - "Credo di si.. Vanno bene due bicchieri vero?"
noi - "No. Una bottiglia va bene grazie. Le terremo compagnia un paio di ore si prepari.."
Arriva con il prosecco, senza glacette, inizia a "smutandare" (come dice la mia amica) la bottiglia e si ferma al tappo, ci guarda in difficoltà. Interveniamo e stappiamo noi.
noi - "Ci porta un secchiello per il ghiaccio per tenere in freddo la bottiglia per favore?" (tavolo al sole..)
cam- "E' già fredda! Non ne abbiamo di quelle cose li"
noi- "Non è nostra intenzione scolarcela tutta in un sorso, si scalderà nel frattempo. La tiene in frigo e quando ci serve la chiamiamo?"
arriva il proprietario che stava già ridendo da un lato e contando dall'altro..
Ci porta il secchiello del ghiaccio, ed aggiunge "E' in prova da 2 giorni, faceva l'elettricista...ci vuole tanta pazienza"

Comunque la fase di decompressione ha fatto il suo corso: bottiglia finita, fritto di pesce mangiato, risate fatte, schiavizzato l'ex elettricista, movimentato la mattina al bar/osteria.
Che fatica lavorare dopo...

Micol Morelli supportoseparazioni
caderefamale.blogspot.it

domenica 6 aprile 2014

Invito a nozze

Oggi eravamo di matrimonio, solo la parte della cerimonia niente rinfresco.

L'invitato era il novenne, a sposarsi una delle sue insegnanti.
E' stato scelto il rito civile, pochi invitati, lei in prime nozze lui in seconde nozze.
L'intera classe schierata con i fiori in mano a sorridere al suo arrivo.
Lei commossa, bella come le spose sanno essere.

Io seduta accanto ad altre mamme e ad altre maestre ad osservare il tutto a sentire gli occhi diventare umidi e il cuore agitarsi.
Inutile, nonostante il tempo, le esperienze, la vita vissuta.. mi commuovo sempre.

Dopo le foto e i saluti, i bimbi ed io ci siamo fermati in piazza per un aperitivo al sole e per quattro chiacchiere.
La conversazione era chiaramente legata al matrimonio e visto che la maestra aveva raccontato come e quando aveva ricevuto la proposta: a cena in una situazione particolarmente romantica.
la domanda è stata: "E a te com'è stata la tua proposta di matrimonio?"
...
Non è stata.. 
nel senso che nella vita mi hanno fatto cercato di farmi la fatidica domanda in 3 e io sono scappata come una lepre..
La domanda l'ho fatta io, no ricordo né dove né quando, so che desideravo sposare quell'Imbecille.
Sono felice di quella domanda..perché da quell'errore gigante sono nati loro e sono il regalo più bello della vita.

Poi mi hanno chiesto com'era il mio vestito di matrimonio.. 
"Bianco avorio, top in pizzo, gonna semi-trasparente con uno spacco totale, una piccola sottogonna per la chiesa, una giacca per la chiesa, sandali a tacco alto. E una gran voglia di divertimento"

Micol Morelli BGL
caderefamale.blogspot.it

sabato 5 aprile 2014

Spazio

Il tempo qui non è il massimo ed ho deciso di investire qualche ora creare spazio.

Cassetti delle calze e biancheria in ordine.

Poi ho visto un paio di scatole di documenti fotografie varie ed ho deciso di darci un'occhiata.

Nel sacco delle cose da buttare sono finiti:
- biglietti di auguri e congratulazioni per il matrimonio
- cuscino per le fedi
- fotografie dell'Imbecille da solo
- sottogonna dell'abito nuziale

Nelle cose da tenere sono finiti:
- fotografie di gruppo
- tutto quello in qui ci sono i bimbi

Ho ancora circa una ventina di scatole da analizzare nei prossimi giorni.

Nella mia testa e nel mio cuore non ci sono state variazioni emotive di tipo negativo, ma solo senso di libertà e spazio.
Spazio da riempire
Spazio da offrire
Spazio da sperimentare

Micol Morrelli tistofacendospazio
caderefamale.blogspot.it

giovedì 3 aprile 2014

Ciclisti..

La stagione delle 2 ruote qui è in pieno svolgimento, a qualsiasi ora.
Passano carovane di ciclisti con bici da corsa che occupano tutte le corsie disponibili, che non rispettano i semafori, che fischiano come se fossero allo stadio, che fanno i bulli in tutine aderenti.

Solo che dopo una chiarificante conversazione con chi ne frequenta uno da vicino faccio a non commentare mentalmente e riderne...

Per mantenere il peso minimo, per sostenere gli allenamenti per le gare (dilettantistiche) scelgono coscientemente di non fare sesso, o meglio farne il minimo secondo i loro canoni sportivi per non sottrarre forze alle due ruote.
Risultato una volta al mese se va bene.... meglio 1 ogni due mesi

Quindi ora li guardo e penso: "Che tristezza..."
Già sono ridicoli in quelle tutine
buffi nel camminare con le scarpette
magri da togliere ogni idea di divertimento
e ora anche delle schiappe totali sotto le lenzuola

Privarsi dei divertimenti per questioni di lavoro (ciclisti professionisti) posso capire..
Ma scegliere di avere un rapporto con due ruote invece che con un corpo e una mente è incomprensibile per la mia piccola mente.

Micol Morelli inbicisoloperdivertirmi
caderefamale.blogspot.it