sabato 21 marzo 2015

Categorie di Imbecilli e capacità di riflessione

Ma l'amore provato,
quello di quanto ti conosci
quando inizi ad amare
quando il pensiero corre sempre a lui
quando decidi che è per la vita

Le promesse fatte,
quelle di aver cura ti te e dei figli che verranno
quelle parole ripetute che sei al centro del suo mondo, che sei la sua vita, che non vuole altre
quelle di quanto nascono i bimbi e il cuore sembra scoppiare e nasce la famiglia
quella in cui dice che sarà sempre accanto quando cresceranno

La vita vissuta
le giornate assieme,
i progetti
i traslochi
le cenette
il prepara la cameretta
l'affronta le notti, le paure, le gioie, il corpo che cambia tu che diventi adulta

e poi come se nulla fosse lo trovi con un'amante, come se fosse normale, dovuto, e ti dice che la colpa è tua, che per lui l'amore è finito, e così come se non fosse nulla l'elenco delle priorità cambia, tu compagna di vita sei in fondo, i bimbi dopo e segue il vuoto riempito dall'egoismo e dalla stupidità dalla voglia di avere una seconda vita per non accettare la propria, li in cima al primo posto c'è quella che per lui è la nuova vita con un'altra, li al primo posto c'è la figa nel senso di un'altra vagina, spesso anche un po' troia, perché forse alla fine è solo quello che cerca.

Questo pensiero non è riferito non solo all'Imbecille ma a TUTTI gli uomini che nel giro di poche settimane cestinano vite fatte di eventi, di compleanni, di natali, di sfide superate, di cadute, di dolori, di gioie, di domeniche in famiglia, di scuola, di compiti, di seni che allattano, di mani che coccolano, di donne moglie e amante che possono stancarsi ed essere solo donne per qualche tempo ma a cui basta nulla per tornare ad essere passionali,
questo pensiero è per TUTTI quell'IMBECILLI che al minimo scuotere di pelo di figa gli si annebbia il cervello, gli si atrofizza il cuore e tutto il sangue serve solo a sostenere quella testa di cazzo che ha la priorità.

Un amore può finire, un matrimonio può terminare ma che questo processo si verifichi in meno di 2 mesi senza confronti, senza tentativi, senza capacità di parlare è........non ho parole. A sedici anni è normale mi preoccuperei del contrario, a 26 hai bisogno di un periodi di decompressione, ma quando ne hai 40 il minimo è che tu ci rifletta a lungo per molto tempo..
Certo è che se considero la regressione maschile della categoria di maschi Imbecilli i loro quaranta corrispondo ai 16 anni con carta di credito a disposizione.

Mi dispiace per tutte coloro che si trovano in questa situazione, io ho già dato, ho già metabolizzato il mio lutto, sono fuori dalla fase di accettazione, sono innamorata sono serena e guardo il mondo con occhi vogliosi di vita, gli uomini li guardo con sospetto l'imbecillità dilaga.

Micol Morelli chetestedicazzo
caderefamale.blogspot.it




giovedì 19 marzo 2015

Riaprire le porte o sigillarle?

Sarà capitato a tutti nell'arco degli anni di fare pulizia fra le amicizie e le conoscenze.

Nel periodo di scuola e università sia hanno tanti amici,
chiacchieri e vai a'accordo con quasi tutti, poi entri nel tunnel lavoro e vita e le cose si complicano.

Ci sono amici che rimarranno tali tutta la vita, che sono amici profondi e non è il tempo che passi con loro che determina il grado di amicizia.
Ci sono amici che hai creduto tali e poi ad un certo punto è capitato qualche cosa che ti ha fatto allontanare di netto.

Due giorni fa squilla il mio cellulare è un numero non in rubrica, rispondo sarà uno dei tanti clienti non registrati..
"Ciao Micol, sono Annalisa ti ricordi?"
cacchio se mi ricordo, mi sono allontanata di corsa! Sono passati più di 10 anni dall'ultimo contatto.
io "A..ciao certo, dimmi pure"
il fantasma "Sai avevo perso il tuo numero, non sapevo come fare a contattarti, quando parlando con mia sorella mi ha detto che lei lo aveva ancora e qui eccomi qui. Sai io vivo sempre sul lago, sto sempre con il mio compagno ma ci siamo sposati nel 2012, ho solo un figlio di 10 anni. bla bla bla bla.. E tu che novità mi racconti?"

premesso che l'ultima volta che l'ho vista è stata al mio matrimonio.

io "Tutto ok,"
Lei "Ma dimmi raccontami vedi sempre la nostra amica storica?"
io "Certo, ci sentiamo regolarmente, facciamo vacanze assieme"
Lei "Mi daresti il numero la sentirei tanto volentieri. Sai io non vi ho mai dimenticate, siete state sempre nei miei pensieri e vorrei tanto che tu mi chiamassi ogni tanto e ci sentissimo"
io "...si si"

Chiusa la conversazione mi sono trovata a pensare..
ho passato dei bei momenti, di studio, di relax, di chiacchiere poi ho iniziato a vedere degli atteggiamenti che non mi piacevano, un paio di scherzi in ambito lavorativo hanno sigillato il rapporto e li ho chiuso.
Forse le persone cambiano con il tempo, migliorano o peggiorano boh..
Una seconda possibilità andrebbe data.. ma una telefonata dal nulla con il mondo stravolto nel mezzo in questi 10 anni mi dà la sensazione di vuoto.
Se la incontrassi per caso, un caffè due parole di riscaldamento, uno sguardo di comprensione allora forse sarebbe più facile..
Lei è sul lago io sul mare, sempre acqua ma la densità è diversa...

Micol Morelli inattesadicapireseaprireosigillare
caderefamale.blogspot.it

mercoledì 18 marzo 2015

Una donna a cui hanno strappato i vestiti

Nella notte è salito il vento, era tramontana, era davvero forte.
Tutta notte è stato così e il mattino quando è arrivata la luce ed ho guardato fuori: era pazzesco..

Niente era più al suo posto, ancora non mi rendevo perfettamente conto dei danni, ero decisamente sconvolta da quello che vedevo fuori.

Risultati immagini per tempesta di vento forte dei marmiRisultati immagini per tempesta di vento forte dei marmi

Sono uscita per capire, per strada c'era di tutto.

Il messaggio sul cellulare avvisava niente scuola.
Prendo l'auto ( per fortuna solo un danno sulla fiancata provocato da un pannello di legno volante) e provo a fare un giro in paese..
Gli alberi... una strage, una vera strage, alberi di oltre 30 metri tutti a terra, boschi interi sterminati, tetti di interi quartieri scoperchiati, strade rosse da tanti coppi erano caduti..
Tetti distrutti anche da alberi caduti addosso..
Gente per strada a calcolare i danni
Strade totalmente impraticabili, case senza luce e senza acqua, auto bloccate dagli alberi, schiacciate dagli alberi..

Risultati immagini per viale apua dopo la tempesta                      Risultati immagini per viale apua dopo la tempesta

Oggi che sono passati oltre 10 giorni dal fatto, ci sono ancora molti alberi da mettere in sicurezza, sono ancora tutti al lavoro, nessuno si è fermato, hanno dovuto creare aree destinate a raccogliere il legname tanto è il volume e vedere li tagliati a pezzi tutti assieme fa effetto..


Risultati immagini per forte dei marmi alberi abbattutiRisultati immagini per forte dei marmi alberi abbattuti




Guardarsi in giro ora è strano è come vedere una donna a cui hanno strappato i vestiti.

Gli alberi erano ovunque prima,
ti tenevano compagnia,
avevano visto crescere famiglie intere,
alzavi gli occhi erano li.
Erano li a fare ombra, li ad ospitare uccelli, a spargere profumo a coprire.

Ora non ci sono più e il paese sembra nudo,
ha cambiato aspetto è nudo, o meglio ha proprio i vestiti strappati.
I tetti li ripari ma gli alberi....

Il vento ha toccato punte di 230km orari e per fortuna è successo di notte...


Micol Morelli moltospettinatadalvento

Rieccomi

Ragazzi che fatica..
scrivere mi manca,
come mi manca il tempo per una mug di caffè in veranda,
come sfogliare il giornale al bar la domenica mattina,
l'aperitivo con le amiche il giovedì sera
fare la spesa con calma
perdermi fra i titoli dei libri...

E' un periodo che la gestione del tempo mi sta creando dei problemi, le cose da fare sono teoricamente le solite, sono io che inciampo su sacche di stanchezza e mi ritrovo a sera che non ho concluso quello che avrei dovuto.

In questo periodo di assenza sono capitate tante cose, ad alcune ho voglia di dedicare uno spazio.

Qui a vedere la partita, o meglio loro vedono la partita ed io non ho scelta.. ma sentirli urlare, incitare, saltellare in giro è talmente divertente.
Se penso che non si è mai trattato di calcio in casa fino agli ultimi mondiali ed ora mi sembra di avere due piccoli esperti in giro per casa: uno (il grande 10 anni) che si legge volentieri la gazzetta un paio di volte alla settimana, il piccolo che lo segue per carpire informazioni.

mi piace essere ritornata

Micol Morelli
caderefamale.blogspot.it