mercoledì 27 gennaio 2016

giornate faticose e statue coperte

Ci sono giorni che sono proprio faticosi,
la mattina non ti rendi conto che potrebbe essere uno di quelli.. poi la giornata evolve e con le tutte le rotture di coglioni annesse.
Oggi è uno di quelli:
- clienti duri come capre
- fatturazioni errate
Risultati immagini per bicchiere di vino- anomalie assurde
- congiunzioni di eventi nefasti

che palle, si era bloccato anche il computer

Ho aperto una bottiglia di vino e ho deciso di gestire le rotture di palle con bicchiere sulla scrivania se devo soffrire almeno con classe


chiaro che i problemi non sono questi..ma ognuno gestisce i suoi
(vedi statue romane nude da secoli coperte per una visita del presidente iraniano.. Per solidarietà ora mi spoglio!)

Micol Morelli
oggichefatica
caderefamale.blogspot

domenica 24 gennaio 2016

coccole calzini sensazioni

a volte sono le piccole cose a farci una coccola..
svegliarsi con calma, leggere i messaggi, stare al caldo ancora un poco, poi infilarsi una tuta morbida per la colazione e i suoi calzini :)



adoro mettermi i suoi calzini
è un concetto di coccola
lui sorride quanto vede che ho i suoi calzini :)
(adoro infilarmi i suoi boxer, la sua felpa, le sue sciarpe)
sorride anche quando mi vede con il resto


Ken odiava che mi infilassi le sue cose..
sono segnali chiari di aridi soggetti plasticosi..


ora caffè nella sua tazza :)

Micol Morelli
coccolecalzinisensazioni
caderefamale.blogspot

giovedì 14 gennaio 2016

Colori della vita

Ci sono periodi della vita pieni di eventi colorati, come matrimoni, nascite e compleanni, ed altri con colori più sbiaditi dovi incontri problemi, dolore, malattia e morte.

La vita è un miscuglio di sorrisi e di lacrime.
Forse non siamo mai preparati, almeno non in modo tempestivo:
- da ragazzi non siamo pronti all'amore
- da meno ragazzi non siamo pronti alle responsabilità
- crescendo non siamo pronti alla vita
- poi alle avversità
...
Certo con il senno di poi saremmo "migliori" tutti, ma non è una opzione valida.
Possiamo migliorare con le esperienze, sempre che queste restino e trovino terreno fertile..

Non ero pratica di malattia e decisamente meno di morte.
Quando è mancato mio nonno dopo una lunga malattia ero adolescente, troppo interessata a me per pensare a lui, a quello che passava, a tutto ciò che stava accadendo. Non ricordo quasi nulla del dolore.

Quando tanti tanti anni dopo è mancato il compagno di mia mamma, ho capito il vuoto che lasciava la persona amata, ho visto il dolore e la rassegnazione nei suoi occhi, e ho iniziato a farmi delle domande.

Quando poco dopo è mancato il padre del mio ex fidanzato intelligente, dopo una malattia, lì ho capito quanto poco sono stata utile, quanto poco sono stata sensibile e attenta, quanto vuoto lascia un genitore e quanto importante è potersi appoggiare a qualcuno.
Ma ero troppo presa dallo scappare per restare, tornassi indietro sarei presente..

Meno di un anno fa è mancata la mia spendida nonna classe '20.
Le esperienze vissute un pochino mi avevano aiutata a crescere.
Ho potuto dedicare più tempo a salutarla, ad osservarla per ricordare.
Quelle piccole cose come i pranzi di famiglia, ascoltare i ricordi, fare il caffè come piaceva a lei, regalare un sorriso in più..
Quando è arrivato il momento questa volta sono stata più utile, sia emotivamente che fisicamente.
Il vuoto si sente, ma è un vuoto riempito da ricordi, da vita vissuta, da "fine del libro"

Ora mia suocera stà combattendo con la malattia e anche mio zio

L'imbecille è ancora nella fase emotiva del Ken pre-adolescente, quindi non si interessa, non telefona, non partecipa, non visita, non supporta, non fa un demerito c... ed è sua madre.
Probabilmente l'evoluzione richiederà un paio di generazioni, forse in caso di seconde o terze vite si potrà vedere una evoluzione.
Si sta perdendo davvero tanto, stà perdento la possibilità di far crescere l'anima, di conoscere e vivere sua madre per il tempo che le resta, la possibilità di ridere con lei, di vederla sorprendersi per piccoli gesti, vederla imbrogliare a carte, giocare con il cane, essere La Rossa imprevedibile che è sempre stata.

Per lo zio.. oggi l'ho visto in ospedale..quello'omone gigante pieno di vita non c'è più, c'è un uomo che soffre.

Come è difficile vedere la vita sfuggire, accade talmente in fretta a volte che non fai in tempo a realizzare..
Cè un tempo in cui non pensi alla fine, ti sempra che sia un tempo infinito quello che abbiamo di fronte, poi gli eventi ti fanno cambiare idea..


Micol Morelli
icoloridellavita

martedì 12 gennaio 2016

regali natalizi azzeccati

Uomini che conoscono le donne, regalo azzeccato ;)
Che figlio figo che ho


Risultati immagini per professor layton e il futuro perduto


Da Natale ad oggi ci ho già giocato 9 ore..
Chiaramente uso la sua nintendo :)

Micol Morelli
tantononcresco
caderefamale.blogspot.it

lunedì 11 gennaio 2016

addio David

I ricordi che mi legano alla sua musica e alle sue immagini sono tanti,
ho iniziato a interessarmi alla sua produzione per curiosità, è stato così facile innamorarsene
ricordo i pomeriggi in cameretta ad ascoltare i suoi dischi all'epoca del vinile..
a cercare immagini da attaccare sul diario
a tradurre canzoni
al primo viaggio a Londra, ho girato tutti i "suoi" quartieri e sono tornata con una cravatta con la sua immagine da mettere con una delle mie camicie preferite su dei jeans assurdi.. avevo 15 anni
ho sempre pensato che avesse una gran classe e un gusto fantastico
Risultati immagini per david bowie show il duca bianco si racconta

Risultati immagini per foto david bowie jimmy king
qualche giorno fa ho condiviso una sua foto fighissima, solo a lui stanno bene i pantaloni stretti e corti alla caviglia.



che mito
che estro musicale ed artistico
che tristezza oggi quando ho sentito la notizia
addio David



Risultati immagini per foto david bowie jimmy king


Micol Morelli

mercoledì 6 gennaio 2016

resonconto di "esco sola"

E' stato divertente, premesso questo aggiungo i dettagli.

Le persone erano circa 40. 35 delle quali donne.

Quelle con le quali ho fatto amicizia subito anche donne simpatiche e divertenti.

Mi sono messa al loro tavolo e a fianco avevo anche uno dei pochi maschi presenti pure simpatico.
Chiacchierato di varie cose, riso delle cose buffe che accadevano, spettegolato quanto basta.

Passiamo ai peteggolezzi:
persone quasi tutte fuori zona, alcune delle signore presenti decisamente apparecchiate alla grande, quelle più in mostra di tutte erano accompagnate da 2 degli uomini presenti.
Concetto di aparecchiatura: gonne microscopriche, con top microscopici, tutti in tessuti anni '80 (lurex), tacchi tassativamente 14, labbra zigomi sedere gonfiati, coscie e occhi tirati. Praticamente il modello trans
Il "mio" gruppo era più rupestre, sorridente, partecipe.

A metà cena entrano due soggetti maschili:
- 60enne chiacchierino
- 28enne modello tipo "uomini e donne" (muscoloso, barbone, abbigliamento da coglione e cappello di lana in testa)
I due si posizionano al mio tavolo per mia fortuna alla fine della tavolata. Il cappello del 28enne resta incollato al suo posto per tutto il tempo, mentre subisce gli assalti delle donne dal suo lato.
Arriva il passaparola secondo il quale il soggetto non può toglersi il cappello in quanto essendo privo di phon non potrebbe rifare la messainpiega se si rovinasse la folta chioma durante la sera (chioma che lascia intravedere)
Le lacrime non si fermavano più dalle risate, aumentate solo dal vederlo impugnare le posate come un cavernicolo al primo giorno di uso.
Poi viene confermato che fa davvero parte del gruppo di umoni e donne..

La serata prosegue con un altro locale per un drink, poi tavolo in uno dei locali chic dove non andavo da una vita (da talmente tanto tempo che hanno cambiato tutti i buttafuori)

Ho fatto le 4 ho aggiunto tre nuove conoscenti alla cerchia, sono tornata a casa a piedi sotto la luna bagnata da una leggera guazza marina, e tutto sommato è stato divertente.
Certo molte cose le ho trovate tristi, fra le quali:
- la ricerca affannata dell'altra metà da parte del mondo femminile
- la ricerca affannata della passera e stop da parte del mondo maschile
- il considerare questo stile di vita un punto fermo della settimana
- vedere gli unici uomini presenti essere principalmente dei 25enni con o senza portafoglio che parlano di vacanze aperitivi e amici, elementi come vita, sentimenti, crescita, famiglia sono estranei

Ho fatto tante serate così (in genere i maschi erano minimo il 60% dei presnti), dove gli unici interessi erano il divertimento, la serata, il ballare, il vestito e il conoscere.
Mi sono venute a noia prima dei trenta..

Micol Morelli
anfibiotuttalavita
caderefamale.blogspot


martedì 5 gennaio 2016

sto uscendo sola

Ho deciso di partecipare ad una cena in un locale vicino a casa mia, ci saranno 40 persone circa.
Ne conosco, superficialmente, una..
Cena fra amici (suoi) con musica

Ho accennato alla esigenza di diversificare le amicizie, ci stò lavorando.

Potevo anche fare delle telefonate in più per andare con una amica ma ho scelto di "buttarmi"

Sono in una fase fisica orribile.. mi sono resa presentabile, il sorriso si indossa con qualsiasi abito in qualsiasi taglia :)
Ho scelto un look pratico non da sgomitate ma da voglia di chiacchiere:
- gonna ampia (tipo palloncino rock)
- maglia con scollo ampio (lo sguardo sulle tette distrae dai fianchi) ;)
- anfibi (il tacco stasera non mi andava per niente)
- rossetto e ombretto nero
- e il mio ciondolo preferito



poi vi racconto

Micol Morelli
curiosamentesola
caderefamale.blogspot

lunedì 4 gennaio 2016

12-16 ieri/oggi

Ho cambiato le pile alla bilancia in bagno, ma credo che ancora per una settimana ignorerò il fatto..

Sono stata particolrmente indulgente con me stessa negli ultimi 12 mesi, questo mi ha sicuramente dato una soddisfazione immediata legata al piacere, ha dato soddisfazione a chi mi ha dovuto vendere pantaloni e abiti più adeguati, ora è il momento di fermarsi e retrocedere.

E' stato nell'ultimo anno bisestile che ho:
- raggiunto i 48 kg (esageratamente pochi)
- cambiato status famiglia (da moglie di Ken a Ken-free)
- cambiato tutto il guardaroba, intimo incluso (perdevo gli slip delle taglie precedenti)
- preso 6 mesi sabbatici dal lavoro (perso il mio ne ho dovuto trovare un altro)
- innamorata follememente (tuttora in questo stato, storia un filo complicata)
- cambiato i colori di casa, eliminato tutto il Ken eliminabile (recuperato tanto spazio)
- ripreso a sognare



Missione per il bisestile in corso:
- raggiungere i 52 kg (taglia 42)
- mantenere lo status di famiglia attuale
- rinfilarmi tutto l'intimo acquistato nel 2012
- aumentare gli impegni professionali e diversificare
- al mio cuor non si comanda, continuerà a palpitare sempre più senza pensare
- riorganizzare ed eliminare oggetti da casa
- realizzare almeno un sogno





Micol Morelli
chepalleingrassare
caderefamale.blogspot.it